Stefanos Tsitsipas

Finale del 1000 di Montecarlo che ha visto il ritorno alla vittoria di Stefanos Tsitsipas, “giustiziere” del nostro Jannik Sinner che fino alle semifinali era stato praticamente perfetto nel torneo ed era reduce dalla vittoria a Miami. Il greco, in una finale rapida e quasi senza storia, ha avuto la meglio di un Casper Ruud che ha forse pagato il grande dispendio fisico in semifinale, turno in cui ha estromesso dal torneo Nole Djokovic. Tsitsipas che vince dunque il trofeo per la terza volta in carriera, successo che gli permette di rientrare in Top 10 nel ranking ATP, alle spalle proprio dello stesso Ruud.

La partita sulla terra rossa di Montecarlo è stata, come già detto, senza storia. Il primo set in particolare ha visto il norvegese praticamente assente, col greco che in 35 minuti ha fatto suo il parziale per 6-1, numeri incredibili per una finale di un 1000. Tsitsipas che ha velocemente preso il comando del set breakkando nel terzo game e poi di nuovo nel quinto e nel settimo, di fronte a un Ruud fuori fase. Nel secondo set il norvegese ci ha messo più grinta e aggressività, avendo anche due palle break che avrebbero forse cambiato la storia della sua finale. Occasioni entrambe non concretizzate però, col match che fino al nono gioco è andato avanti in equilibrio sul 5-4. Poi un calo fisico di Ruud proprio nel suo game di servizio game più importante, con Tsitsipas che ha preso la palla al balzo giocando bene i colpi decisivi e prendendosi un break decisivo che ha chiuso set e match. Vittoria che proietta il greco come nuovo numero 7 al mondo dietro proprio a Ruud sesto, con le posizioni riguardo i primi 3 posti (Djokovic-Sinner-Alcaraz) che restano invece invariate.

Tsitsipas-Ruud 2-0 (6-1, 6-4)

Ace: 3-2
Doppi falli: 1-1
% prima di servizio: 48-65
Colpi vincenti: 23-17
Errori non forzati: 12-16
Totale punti vinti: 71-57
Totale game vinti: 12-5

DiFabio Scalia

Laureato in geologia, da sempre grande appassionato di sport e scrittura. Juventino sfegatato, ma ho anche dei difetti.